Informatica per tutti Blog

Information Technology Blog

Google Loon: palloni aerostatici contro il digital divide

Google Loon: palloni aerostatici contro il digital divide

Molti di noi vedono Internet come una comunità globale. Ma la realtà è che i due terzi della popolazione mondiale non ha accesso a Internet. Il progetto Loon nasce proprio dall’esigenza per connettere le persone che vivono in aree remote o rurali per raggiungere le zone con scarsa copertura e per consentire alle persone di poter utilizzare Internet  anche in situazioni di emergenza.

Il progetto Loon è iniziato nel giugno 2013 in Nuova Zelanda con un test che ha coinvolto una trentina di palloni gonfiati ad elio di circa 15 metri di diametro  realizzati con una plastica molto sottile, di appena 0,077 millimetri di spessore.

I palloni del Progetto Loon viaggiano nella stratosfera ad un’altezza di 20 km di superficie terrestre dove, in generale, i venti sono stabili e piuttosto lenti (8-32 km/h). Attraverso particolari algoritmi software è possibile guidare i palloni utilizzando le correnti. Siccome i palloncini viaggiano con il vento, è possibile coordinarli e far formare loro una rete di comunicazione.

Ogni pallone può fornire connettività ad una zona di circa 40 km² con velocità paragonabili a 3G. Per le comunicazioni tra palloni e per quelle tra un pallone tra la superficie terrestre vengono utilizzate antenne radio.

I test hanno avuto risultati molto soddisfacenti e, al momento si stanno verificando tutti i dati per poter passare alla successiva fase del progetto.

Per maggiori info: http://www.google.com/loon/