Sociale FAQs

Batch, Real time e PC Revolution

I termini batchreal time PC revolution sono stati introdotti a lezione, parlando dell’evoluzione delle tecniche di elaborazione.

In particolare, storicamente, il primo modo di elaborare i dati era batch (in italiano si traduce come “elaborazione a lotti”); questo modo di operare prevede prima una raccolta dei dati e successivamente la loro elaborazione. L’elaborazione batch rimane l’unico modo di operare sino all’introduzione della modalità real time (inizio anni ’70), è utilizzata anche oggi se facciamo riferimento ad alcune attività come: stampa paghe e stipendi (raccolgo i dati dei dipendenti: ore lavorate, permessi non retribuiti, ecc. e solo a fine mese sono in grado di calcolare la retribuzione dovuta); altro esempio è quello della fatturazione differita (periodicamente,  cioè dopo una fase di raccolta dei dati, si provvede alla stampa delle fatture).

L’elaborazione real time si afferma grazie alla diffusione delle telecomunicazioni (primi anni ’70 – metà anni ’80). Cambia il modo di operare: con un’interrogazione al computer sono in grado di prenotare un volo, prelevare del denaro, ecc., cioè compiere delle operazioni ottenendo una “risposta” (negli esempi fatti: prenotare il volo, se c’è un posto disponibile; prelevare del denaro se il saldo del conto lo consente) in tempo “reale”, cioè in tempo utile per sapere che ho il posto su quel volo (oppure no); ho la disponibilità del denaro richiesto (oppure no) .

La PC revolution (da meta’ degli anni ’80 sino ai primi anni ’90) porta il PC prima negli ambienti di lavoro e successivamente anche negli ambienti domestici: la capacità di elaborazione dei dati passa dai mainframe e minicomputer ai microcomputer.